C’E’ TUTTO IL MONDO LI’?

Questa settimana aggiungo una tappa importante di un lavoro inedito.Un sogno che oggi posso dire realizzato. Ho fatto in questi giorni che precedono il Carnevale, le ultime foto del magazzino della scuola di samba Mocidade Independente de Padre Miguel.

Lo so, il carnevale è solo la prossima settimana, c’è ancora tempo. Il tempo c’è, ciò che manca è che cosa fare. La Mocidade è pronta.

Ho capito questo dopo aver visto i carri gradualmente in fase di costruzione, la finitura del ferro.

Nel momento in cui le parti si preparavano erano completamente piene di plastica nera per proteggerle dalla polvere e nasconderle da occhi indiscreti e ingordi.

Ho trascorso circa tre-quattro mesi per il capannone, schivando la plastica e correndo a fotografare parti di allegorie prima di essere inghiottiti da essa. Lo stesso vale per i costumi e gli oggetti di scena di officina al quarto piano.

Mercoledì scorso , quando sono arrivata al balcone del terzo piano balcone vicino agli uffici amministrativi c’era un angolo con un percorso di sessioni fotografiche pre -impostato ( per dare un senso generale di progresso ) mi è preso un colpo.

Ai miei piedi un tripudio di colori , dettagli e texture di allegorie scoperte ha riempito i miei occhi.

Sono rimasta lì impotente mentre il film degli ultimi quattro mesi passavano nella mia mente. A partire da quel giorno, quando venendo da Cuiabá , l’insegnante Maurice d’ Paula, la mia collega di Gestione e Eventie Carnavaleschi mi proposero di realizzare un reportage della loro performance Sapucai . È lì che, oltre a corsi di portoghese, ho capito che Maurice era il punto focale della Mocidade e coordinatore dei Destaques della scuola.

Lui mi ha fatto conoscere il carnevalesco Carvalho Cid ha esteso la proposta e la mia responsabilità tanto che il progetto ha cessato di essere un corto ed è diventato un lungo fotografico di riprese in prima linea .

Passiamo al lavoro. Mi fiondo nel capannone per catturare almeno una prova tecnica di ogni scuola nel Sapucai , incluse due prove della Mocidade e loro figure. Ali è stato il popolo della Mocidade.

L’aura circonda il capannone. Un luogo segreto dove i pezzi sono creati per dare una dimensione artigianale dello spettacolo.   Assistere alle prove tecniche ti mostra quanto l’uomo sa esprimersi con la sua sola voce e il movimento del corpo, semplicemente attraversando la Passerella della Samba.

Da quello che ho visto ho un paio di cose di cui parlare e migliaia di foto da mostrare . Le immagini formano un puzzle che sarà completato il Lunedi del Carnevale, quando i biancoverdi imboccheranno il viale. Non so quello che sento. So solo che mi riconosco nel lavoro per cui ogni elemento viene da mani semplici e di talento. Ma questa è solo una parte .

La più importante, che verrà registrata per i posteri, sono le espressioni delle persone che vivevano nel capannone e le prove nel Sapucai. Arricchite dalla fantasia collettiva che ha contribuito a costruire, confezionato il sogno che progetta la speranza di essere felici e avere il giusto – e meritato – riconoscimento per il lavoro fatto, non in uno di più, ma in questo carnevale .

Grazie, Mocidade. Grazie, compagni di lavoro e personaggi meravigliosi .

* Valéria del Cueto é giornalista, cineasta e gestore del carnevale. Questo articolo fa parte di Ponta do Leme, di SEM FIM

ILUSTRADO DOMINGO    JULHO 2009

Comments

Be the first to comment.

Leave a Reply


You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CarnevaleRio de Valéria del Cueto @delcueto