La trama

Parabola dei Seminatori Divini

La trama

Introduzione

Con l’ultima glaciazione, il ghiaccio e la neve hanno ceduto lentamente. Una stella brillò incandescente all’orizzonte primitivo espandendo la luce e il calore e hanno reso alla vita un’esplosione di colori e abbondanza. L’uomo finalmente si liberò delle caverne e festeggiò.

Le forze della natura si trasformano in Dei e le risposte allo sconosciuto sono state trovate dai primi maghi nei tuoni e nei fulmini, nelle acque, nelle foreste e nei misteri della terra.

Per evolvere da cacciatori-raccoglitori a seminatori, i nostri antenati hanno attraversato un lungo cammino, spesso segnato da pietre e spine.

Come l’agricoltura e la costante creazione di piante che dipendevano gli uomini e gli animali per il cibo diventano cicli di importanza cruciale e la natura è diventata fattore dominante e concentrarsi di religiosi e magici.

Man mano che l’agricoltura e la creazione di piante prendevano forma, gli uomini e gli animali ricominciavano ad alimentarsi con queste cosicchè le piante sono tornate importanti nel ciclo della vita; la semina e la raccolta sono diventati i principali eventi dell’anno e sono stati celebrati con feste e riti volti a garantire un buon risultato.

È stato attraverso questo rispetto per la natura che l’uomo ha cominciato a entrare nel regno dell’utopia attraverso le celebrazioni: al momento della festa lasciava indietro i pensieri sulle cose cattive, come l’inverno e le inondazioni, che erano già in partenza per fare spazio alla primavera e all’alba, con balli e canti attorno ai falò per spaventare gli spiriti maligni e le forze negative che avevano minacciato la semina.

In un delizioso viaggio attraverso queste feste, riti e celebrazioni in onore degli dei del settore agricolo e che in seguito sono stati accolti dal cattolicesimo, troviamo l’origine, la radice del grande albero che è il carnevale di Rio de Janeiro.

Ed è nel sacro tempio delle sfilate delle scuole di samba che si ricorda il ritmo di celebrazione delle nostre origini agricole, festeggiare è quello che sappiamo fare meglio.

Siano lodati i Seminatori Divini del Carnevale!

Viva la follia!

Mocidade independente Parábola LOGO 2011

Sinossi

Il primo seme: dopo lo scongelamento, ecco che arriva la strada.

In un tempo lontano, gran parte delle sacre terre africane si trovavano sotto il dominio del freddo. Un impero bianco e gelato che manteneva gli uomini primitivi praticamente prigionieri delle caverne.

Una mattina, una stella brillava intensamente luminosa all’orizzonte, un forte bagliore tagliò la nebbia e si diffuse sul paesaggio pallido, annunciando un brillante spettacolo di luce e calore. A poco a poco il bianco ghiaccio e la neve venivano tinti dal verde della vegetazione, che è appariva vigoroso. Così, i nostri antenati lasciarono le caverne per festeggiare.

La vita è esplosa nel colore e abbondanza. Le piante di ogni genere, diverse specie di frutta e di animali assortiti cominciarono a dominare questo nuovo ambiente. Il potere di tuoni e fulmini, i misteri delle acque e della terra e dei segreti del bosco vengono riveriti dalle guide spirituali che vengono scelti tra i saggi di ogni tribù. Nelle celebrazioni, questi stregoni cantano e ballano ornati con foglie e maschere intorno ai falò per allontanare gli spiriti maligni e garantire buoni raccolti.

Di festa in festa, l’uomo si è evoluto e ha scoperto il miracolo della vita contenuta nei cereali e nei semi, che si manifestavano quando raggiungevano il suolo.

Diventando poi seminatore, l’uomo ha messo le radici e si stabilisce nel paese.

Il secondo seme: sulle pietre templi pagani furono eretti per il culto.

Le caverne ghiacciate facevano parte sempre più del passato e i campi coltivati segnalavano un mondo in cambiamento.

Grandi civiltà fiorirono, templi di pietra e palazzi magnifici sono stati costruiti; riti sacrificali e canti di lode echeggiarono nella celebrazione della fertilità della terra.

Gli dei dell’agricoltura e gli animali sacri si univano agli Dei dei tuoni e dei fulmini, dell’acqua, della terra e delle foreste consolidando un potente pantheon agricolo che attraversava i confini del tempo e dello spazio a dorso di cammelli e cavalli.

Nell’antico Egitto, fiaccole e incenso impregnavano di magia i grandiosi banchetti in onore della dea Iside, signora dell’agricoltura, mentre processioni maestose veneravano il Bue Apis.

In Grecia, gioiosi festival di musica, danze sensuali e abbondante distribuzione di vino scosso portavano avanti i festeggiamenti in onore di Dioniso, dio protettore della vite, e sono stati caratterizzati da una deliziosa inversione di ruoli: il povero si vestiva da re e gli uomini celebri si mascheravano da donne.

Nella Roma pagana, le feste della primavera annunciavano i Saturnali in onore del dio dell’agricoltura italiana e, in un momento di euforia, Saturno veniva accolto calorosamente dal popolo. Durante queste occasioni, le vie della città riccamente decorate con fiori, erano governate da un re scelto tra i poveri, e nel culmine della festa, il Momo, il re sovrano della gioia, comandava che la follia non aveva ora per finire.

Il terzo seme: Bash è soffocato dalle spine di una nuova religione.

Stretto tra le celebrazioni pagane, a Roma arriva una nuova religione.

Predicando la fratellanza, il cattolicesimo cerca di soffocare le origini di queste manifestazioni e, a poco a poco, i festeggiamenti vengono modificati.

Così, il giorno dedicato alla celebrazione dei Saturnalia ha iniziato a determinare la nascita di Gesù in una stalla circondato da buoi e pecore e pastori, in una tipica scena agricola.

Il pane e il vino, simboli e rituali di feste pagane furono trasformati nel corpo e nell’ostensorio d’oro che è stato posto sulle teste delle immagini dei martiri cattolici.

Soggiogato dal clero romano, il “rituale primitivo” è stato trasformato in una festa segnata da bagni di profumo, costumi e sfilate allegoriche.

Incorporando personaggi dalla Commedia dell’Arte, il nuovo formato ha conquistato le città di Nizza, Roma e Venezia e ha invaso le sale della nobiltà con i suoi squisiti balli in maschera.

Così è nato il “Carnevale”, celebrato nei giorni precedenti alla Quaresima e che come i semi soffiati dal vento, si è diffuso ai quattro angoli del mondo.

Il quarto seme: “… e in questa buona terra, è cresciuto e ne sono stati prodotti il centuplo”.

In Brasile, questi semi divini hanno trovato terreno fertile e benedetto. Lanciato ai quattro angoli del nostro territorio si e` rapidamente seminato e moltiplicato, dando frutti con le proprie caratteristiche.

Da Nord a Sud di questa nazione, è diventato una manifestazione popolare.

Il bue che è venuto dal così lontano Nord è anche diventato sacro, “é boi Ápis pra lá, é bumba-meu-boi, meu boi-bumbá pra cá”.

Nel Nord-Est, la festa del dio del sole è diventata la festa di San Giovanni e l’eccesso di cibo non può mancare: bisogna avere mais tostato, riso dolce, succo di canna da zucchero, caffè e un buon focolaio acceso per scaldarsi.

C’è la festa dell’uva nella Pampa e nel Cerrado, ma è qui a Rio de Janeiro che il più bello e giusto seme ha trovato il suo posto. Mescolando le feste e le celebrazioni che provenivano dall’Europa con la magia che è sbarcata con i neri africani, è stato creato un proprio rituale. Cantando, ballando e suonando la batteria con gioia unica aggiungendo spezie alla festa, si è reinventato il carnevale.

Oggi celebriamo il nostro passato agricolo e agrario mentre celebriamo il nostro presente, come il più grande spettacolo della Terra, e quando il futuro arriva e la follia prende posto nello spazio nello spazio etereo si comincia dall’inizio trovandosi con il proprio passato e chiudendo il ciclo.

Dopo tutto, ricordate che tutto è iniziato con il bagliore incandescente di una stella che scioglieva la neve e ha fatto si che la baldoria avesse inizio.

Viva il Carnevale!

Carvalho Cid.

Carnevale

Mocidade independente Parábola LOGO 2011

Comments

Be the first to comment.

Leave a Reply


You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CarnevaleRio de Valéria del Cueto @delcueto